Pat Mainardi – Politica del lavoro domestico

Traduzione di Corinne Manchio di :
Mainardi, Pat « The Politics of Housework » in Robin Morgan (ed.) Sisterhood is powerful, New York : Vintage Books, 1970, pp.447-454.

(Traduction française par Vanina Mozziconacci)

Nota della traduttrice:

L’autrice, Pat Mainardi, ci ha gentilmente concesso il diritto di tradurre e pubblicare sulla Villa Reflexive il suo testo scritto nel 1968, a patto che fosse la versione che compare nel volume di Robin Morgan intitolato Sisterhood is Powerful (poiché è stato ripubblicato senza il suo consenso con aggiunte e soppressioni non autorizzate). Il testo originale contiene un quiz finale, la cui traduzione non è stata considerata indispensabile dall’autrice (e che ho quindi lasciato da parte). Questa concessione di un diritto di pubblicazione è unica, non consente alcuna riproduzione, sia digitale che cartacea.

Ho riportato due note proposte dalla traduttrice francese Vanina Mozziconacci poiché permettono di precisare il contesto di uso di alcuni termini o analogie.

Grazie a Yosra Ghliss e Mélodie Faury per avermi consentito di pubblicare questa traduzione nella Villa.

Grazie a Vanina Mozziconacci per l’iniziativa e a Lidia Allegro, Magali Bonemaison e Laura Fournier-Finocchiaro e Charlotte Moge per le riletture attentissime.

Infine grazie a Pat Mainardi, prima di tutto per questo testo delizioso e per avermi permesso di proporne una traduzione in italiano. Grazie anche per la sua disponibilità e la sua gentilezza durante il periodo di traduzione.

***

Pat Mainardi – Politica del lavoro domestico

“Ma se le donne non si lagnano del potere dei mariti, ciascheduna si lagna del suo, o di quello delle sue amiche. Accade lo stesso in tutte le altre servitù, almeno sull’esordire di un movimento di emancipazione. I servi, non si lagnarono a tutta prima del potere dei loro signori, ma soltanto della loro tirannia.”

John Stuart Mill – Sull’asservimento delle donne1

Le donne emancipate… niente a che vedere con il movimento di liberazione delle donne!2 Le prime evocano tutti i tipi di regali, per riscaldare i cuori (per non aggiungere altro) degli uomini più radicali. Le altre evocano… il lavoro domestico. Le prime offrono del sesso fuori dal matrimonio, del sesso prima del matrimonio, piccoli compromessi domestici comodi (“Vedi, vivo con questa tipa”) e l’autosoddisfazione di sapere di non essere il tipo di uomo che cerca uno zerbino piuttosto che una donna. Questo, si presenterà più tardi. Dopo tutto, chi vuole ancora il vecchio modello, la Casalinga Americana Standard, con marito, casa e figli? Il Nuovo modello, la Donna Emancipata, fa tanto sesso e ha una Carriera, preferibilmente qualcosa che si possa inserire tra una faccenda domestica e l’altra, come la danza, la ceramica, la pittura.

Dall’altra parte, abbiamo il movimento di liberazione delle donne e il lavoro domestico. Che cosa? Dite che non ha importanza? Fantastico! È quello che pensavo pure io. Sembrava perfettamente ragionevole. Ognuno di noi aveva una carriera, ognuno di noi doveva lavorare un paio di giorni alla settimana per guadagnare abbastanza per vivere, quindi perché non avremmo dovuto condividere il lavoro domestico? Quindi l’ho proposto al mio coniuge, ed ha accettato – la maggior parte degli uomini sono troppo moderni per respingervi senza mezzi termini. “Hai ragione”, ha detto lui, “È una cosa giusta”.

Poi, è successa una cosa interessante. Posso spiegarlo soltanto affermando che noi, donne, abbiamo subito un lavaggio del cervello peggiore di quanto si possa immaginare. Sono stati probabilmente troppi gli anni a vedere in televisione delle donne in estasi di fronte ai loro pavimenti brillanti lustrati o che vanno fuori di testa di fronte a colletti di camicia sporchi. Gli uomini non vengono condizionati così. Sin dall’inizio, identificano la cosa più importante a proposito del lavoro domestico. Cioè che fa schifo. Ecco la mia lista dei lavoracci: fare la spesa, portarla a casa e metterla a posto, preparare i pasti e lavare i piatti e le pentole, fare il bucato, sistemare la casa quando le cose sono fuori controllo, lavare il pavimento. La lista potrebbe andare avanti ma le esigenze di base sono già alquanto brutte. Ognuno di noi deve fare queste cose o trovare qualcun altro per farle al posto nostro. Più mio marito considerava queste faticate, più si dimostrava riluttante, e così si produsse la trasformazione dal tenero e premuroso Docteur Jekyll al Mister Hyde scaltro che avrebbe fatto di tutto pur di evitare gli orrori del… lavoro domestico. Mentre si sentiva con le spalle al muro, un muro di piatti sporchi, di scope, di moci e di rifiuti puzzolenti, i suoi denti davanti diventarono più lunghi e aguzzi, le unghie adunche e gli occhi selvaggi. Non ha importanza, il lavoro domestico? Non ne ha nella vostra vita! Provate un po’ a condividere il fardello.

Ne conseguì un dialogo che va avanti da diversi anni. Eccone alcuni punti salienti:

“Non ho problemi con il fatto di condividere il lavoro domestico, ma non sono molto bravo a farlo. Ognuno dovrebbe fare le cose nelle quali è più bravo.”

Traduzione: Purtroppo non sono bravo per fare delle cose come lavare i piatti o cucinare. Quello che so fare meglio, sono le piccole riparazioni, cambiare le lampadine, spostare i mobili (quanto spesso spostate i mobili?).

Altra traduzione: Storicamente, i ceti più bassi (gli uomini neri e noi) hanno centinaia di anni di esperienza nei lavori servili. Sarebbe uno spreco di manodopera formare qualcun’altro per farli ora.

Altra traduzione: Non mi piacciono i lavori noiosi, stupidi e senza interesse, quindi dovresti farli tu.

“Non ho problemi con il fatto di condividere il lavoro, ma dovrai mostrarmi come farlo.”

Traduzione: Faccio tante domande e dovrai mostrarmi come fare ogni cosa ogni volta che la faccio perché non mi ricordo bene. E poi, non provare a sederti e leggere mentre faccio la mia parte del lavoro, perché ti romperò le scatole da morire finché sarà più semplice che tu lo faccia.

“Eravamo così felici prima!” (detto ogni volta che toccava a lui fare qualcosa).

Traduzione: Ero così felice prima.

Traduzione: La vita senza lavoro domestico è la felicità. (Nessun dibattito qui. Perfetta sintonia.)

“Abbiamo delle esigenze differenti, quindi perché dovrei lavorare in base alle tue esigenze? Non è giusto.”

Traduzione: Se comincio ad essere disturbato dalla sporcizia e dal casino dirò “Questo posto è davvero un porcile” o “Come si può vivere in quel modo?” e aspetterò la tua reazione. So che tutte le donne hanno un punto debole chiamato “Sentirsi in colpa di avere una casa in disordine” o “Il lavoro domestico è tutto sommato la mia responsabilità”. So che gli uomini hanno provocato questo punto debole – se qualcuno viene a trovarci e che la casa è un porcile, non dirà andando via “È veramente un cattivo padrone di casa”. La colpa ti verrà data in ogni caso. Vincerò io per sfinimento.

Altra traduzione: Posso provocare innumerevoli scenate sul tema del lavoro domestico. In fin dei conti, sarà meno fastidioso fare tutto il lavoro domestico da sola che provare a farmene fare la metà. Oppure proporrò di prendere una donna delle pulizie. Farà la mia parte del lavoro. Tu, farai la tua. È un lavoro da donna.

“Non ho problemi con il fatto di condividere il lavoro domestico, ma non puoi impormi di farlo secondo i tuoi tempi.”

Traduzione: Resistenza passiva. Lo farò quando diavolo mi pare, se lo faccio. Se il mio lavoro è di lavare i piatti, lo farò una volta alla settimana. Se si tratta di andare in lavanderia, una volta al mese. Se si tratta di lavare per terra, una volta all’anno. Se non ti conviene, fallo te stessa più spesso, e così non lo farò per niente.

Odio tutto questo più di te. A te, non dà così tanto fastidio.”

Traduzione: Il lavoro domestico è una schifezza di lavoro. È il lavoro di merda peggiore che io abbia mai fatto. È degradante e umiliante farlo per qualcuno della mia intelligenza. Ma per qualcuno della tua intelligenza…

“Il lavoro domestico è troppo insignificante per solo parlarne.”

Traduzione: È ancora più insignificante farlo. Il lavoro domestico non è degno del mio statuto. Il mio scopo nella vita è occuparmi di questioni di rilievo. Il tuo è occuparti di questioni irrilevanti. Dovresti fare il lavoro domestico.

“Questo problema di lavoro domestico non è un problema uomo/donna! In ogni relazione tra due persone, ci sarà una personalità più forte e dominante.”

Traduzione: La personalità più forte, meglio che sia io.

“Nelle società animali, i lupi per esempio, il capo branco è generalmente un maschio, anche se non viene scelto per la sua forza bruta ma in base alla sua astuzia e intelligenza. Non ti sembra interessante?”

Traduzione: Ho delle giustificazioni storiche, psicologiche, antropologiche e biologiche per continuare a sottometterti. Come puoi chiedere al lupo dominante di essere alla pari con te?

“Il movimento di liberazione delle donne non è realmente un movimento politico.”

Traduzione: La Rivoluzione sta arrivando troppo vicino a casa.

Altra traduzione: Mi interessa solo pensare a come io vengo oppresso, non a come opprimo gli altri. Di conseguenza la guerra, il servizio militare e l’università sono politiche. La liberazione delle donne non lo è.

“Le realizzazioni degli uomini sono sempre state dipendenti dall’aiuto di altre persone, per lo più donne. Quale grande uomo avrebbe potuto realizzare quello che ha fatto se avesse dovuto occuparsi del proprio lavoro domestico?”

Traduzione: L’oppressione è costruita all’interno del Sistema, ed io, in quanto uomo bianco americano, ricevo i benefici di questo Sistema. E non voglio privarmene.

Post scriptum

La democrazia partecipativa inizia a casa. Se avete intenzione di mettere in pratica le vostre convinzioni politiche, ci sono certe cose da ricordare.

1. Lui sta passando un momento più brutto di voi. Sta perdendo del tempo libero e voi ne state guadagnando. La misura della vostra oppressione è la sua resistenza.

2. Gran parte degli uomini americani non sono abituati a fare lavori monotoni e ripetitivi che non portano a realizzazioni3 durevoli e tanto meno importanti. È per questo che preferirebbero aggiustare un armadio piuttosto che lavare i piatti. Se le azioni umane sono una piramide con le realizzazioni più grandi degli uomini in cima, il mantenersi in vita si trova in fondo. Gli uomini hanno sempre avuto domestici (noi), per prendersi cura di questo strato inferiore della vita mentre hanno limitato i loro sforzi alle zone/aree superiori più ridotte4. C’è quindi tanta ironia nel chiedere alle donne: dove sono le vostre grandi pittrici, le vostre politiche, etc.? La signora Matisse gestiva un negozio di cappelli affinché lui potesse dipingere. La signora Martin Luther King badava alla casa di lui e cresceva i figli suoi.

3. È un’esperienza traumatica per chi si è sempre immaginato di essere contro ogni oppressione o sfruttamento di esseri umani rendersi conto che nella propria vita quotidiana ha accettato e perpetrato (traendone vantaggi) lo sfruttamento; che il suo modo di pensare è poco differente da quello del razzista che dice “i Neri non sentono il dolore” (alle donne non importa fare il lavoraccio5 ); e che la forma più antica di oppressione nella storia è stata l’oppressione esercitata dalla metà della popolazione sull’altra metà.

4. Armatevi di conoscenze sulla psicologia degli oppressi nel mondo intero e di alcuni fatti del regno animale. Ammetto che giocare al lupo dominante o sapere chi comanda nei gorilla è stupido ma gli uomini lo tirano sempre fuori in ultima istanza. Parlate delle api. Se sentite tanta ostilità tirate fuori la vita sessuale dei ragni. Si accoppiano. La femmina stacca la testa del maschio. La psicologia degli oppressi non è stupida. Gli ebrei, gli immigrati, gli uomini neri e tutte le donne hanno usato gli stessi meccanismi psicologici per sopravvivere: ammirare l’oppressore, glorificare l’oppressore, desiderare di essere come l’oppressore, desiderare di essere amato dall’oppressore, soprattutto perché l’oppressore aveva in mano tutto il potere.

5. In un certo senso, tutti gli uomini, ovunque, sono leggermente schizoidi6 – avulsi dalla realtà del mantenere la vita. Per questo motivo, è più facile per loro farne un gioco. È quasi un cliché affermare che le donne provano maggior dolore mandando un figlio in guerra o perdendolo in quella guerra perché gli hanno dato vita, lo hanno allattato e cresciuto. Gli uomini che hanno fomentato queste guerre non hanno fatto niente di tutto questo e fanno una stima più superficiale del valore della vita umana. Un’ora al giorno è una stima bassa della quantità di tempo da dedicare alla “conservazione” di se stesso. Scaricando tutto questo su altri, l’uomo guadagna sette ore alla settimana – un giorno lavorativo in più per giocare con la sua mente e non con i suoi bisogni umani. Nel corso delle generazioni, è facile vedere da dove vengono le terrificanti astrazioni della vita moderna.

6. Con la morte di ogni forma di oppressione, la vita cambia e nuove forme si sviluppano. I lord inglesi, al volgere del secolo, erano inorriditi dall’idea di emancipare i lavoratori – erano convinti che avrebbe segnato la morte della civiltà e il ritorno alla barbarie. Qualche lavoratore fu anche ingannato da questa teoria. Stessa cosa con il salario minimo, l’abolizione della schiavitù e il suffragio femminile. La vita cambia ma continua. Non lasciatevi ingannare da una teoria che afferma che sarà la fine di tutto se gli uomini inizieranno a lavare i piatti. Suggeriranno che state frenando la Rivoluzione (la loro Rivoluzione). Mentre la state facendo progredire (la vostra Rivoluzione).

7. Rimanete all’erta. Valutate periodicamente chi sta veramente facendo il lavoro. In queste cose c’è una tendenza al ricaderci, tanto che dopo un anno, è sempre la donna che fa tutto. Dopo un anno, fate un elenco dei lavori che l’uomo non ha quasi o mai fatto. Troverete lavare le pentole, il bagno, il frigorifero e il forno in alto nella lista. Usate un agenda se necessario. Vi accuserà di essere meschina. È al di sopra di queste cose (il lavoro domestico). Tenete presente quali siano i lavori peggiori, vale a dire quelli che vanno fatti ogni giorno o parecchie volte al giorno. E anche quelli che sono sporchi – è più piacevole andare a prendere libri, giornali, ecc. che lavare i piatti. Fate a turno per i lavori più brutti. Sono quelli noiosi e quotidiani che vi buttano giù. Assicuratevi anche di non avere la responsabilità del lavoro domestico con un aiuto occasionale da parte sua. “Ti preparo la cena stasera” implica che è appunto il vostro lavoro e che è proprio un bravo ragazzo a farne una parte per voi.

8. La maggior parte degli uomini hanno avuto una vita da scapolo ricca e gratificante durante la quale non sono morti di fame, non sono finiti coperti di schifezze o sotterrati sotto l’immondizia. C’è un tabù che consiste nel dire che le donne non devono fare degli sforzi quando ci sono uomini: trasciniamo 20 kg di spesa se necessario ma non è permesso aprire un barattolo se c’è qualcuno intorno per farlo al posto nostro. Il rovescio della medaglia è che gli uomini non devono essere in grado di prendersi cura di se stessi senza una donna. Entrambe sono scuse affinché le donne facciano il lavoro domestico.

9. Attente al doppio smacco. Lui non farà più quelle piccole cose che ha sempre fatto perché ora siete una “Donna Liberata”, capito? Ovviamente non farà nient’altro.

Ero proprio arrivata alla conclusione quando mio marito è arrivato e mi ha chiesto cosa stavo facendo. Un articolo sul lavoro domestico. Il lavoro domestico? mi disse, Il lavoro domestico? Dio mio quanto puoi essere triviale a volte. Un articolo sul lavoro domestico.

  1. Nota della traductrice: citazione tratta da John Stuart Mill, La servitù delle donne, traduzione e prefazione di Anna Maria Mozzoni, R. Carabba Editore, Lanciano, s.d. (1926). []
  2. Il movimento di cui parla Mainardi è senz’altro il “Women’s lib”, abbeviazione del “Women’s Liberation Movement”, attivo negli Stati Uniti dal 1960. []
  3. L’uso della parola “achievement” è molto interessante: mette in risalto l’opposizione tra il lavoro repetitivo, sempre da rifare delle donne da un lato (lavare i piatti, cucinare, etc.) e, dall’altro, il lavoro maschile più durevole, i cui effetti sono più visibili. Inoltre, vi è anche nella parola “achievement”, in opposizione a “dirty chores”, “stupid boring jobs”, “menial jobs” l’idea di autosoddisfazione o di concretizzazione tangibile di una capacità. []
  4. L’espressione originale è: “the rarefied upper regions” che ha un doppio senso in inglese poiché rimanda a qualcosa di ridotto nello spazio – in questo caso al vertice della piramide – ma anche alla scarsità – nel testo si tratta dell’opposizione tra i compiti quotidiani delle donne e le realizzazioni più rare degli uomini. []
  5. Nota di V. Mozziconacci: L’uso dell’analogia tra sessismo e razzismo negli anni ’70 ha permesso una denaturalizzazione dei rapporti sociali di sesso e di razza; tuttavia questo parallelo presentava qualche limite. []
  6. Nota di V. Mozziconacci: La parola rimanda all’idea secondo cui gli uomini sarebbero “sconnessi dalla realtà” o “staccati dalle relazioni umane”. L’uso di parole che appartengono al campo della psichiatria o che rimandano a malattie mentali per indicare fenomeni sociali è stato criticato, non solo per il suo carattere depolitizzante (tramite la patologizzazione dei comportamenti che sono in realtà il risultato di dinamiche strutturali) ma anche perché sarebbe validista o psicofoba (poiché riconduce la gerarchia morale disprezzando le persone portatrici di handicap). Si pensi ad esempio all’uso della parola “autistico” per indicare fenomeni di ripiegamento in sé stessi. []

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search